Wed22112017

Font Size

Cpanel

sms

Twitter
Facebook_sgr
Tum sikiş seyretme siteleri bir araya gelse bizim porno sitemiz kadar degere sahip olamazlar. En azindan biz oyle dusunuyoruz. Haksiz miyim Rustu? - Evet haklisin abi diyene kadar agzinin ortasina bi tane yapistirdim bana cevap vermemenin cezasini cekmis oldu amina koydugum. Yine de hatirlatmakta fayda var ola ki yukaridaki pornoton.com ve diger sitemizi begenmez iseniz, porno izlemek icin en iyi site brazzers pornolari yayinlayan sitelerdir. Porno Gratis Video porno Video sesso italiano Porno e Sesso Hard
Back Amministrazione Commissioni Governo Programma di Governo Sindaco Pompilio
Venerdì, 03 Giugno 2011 11:05

Programma di Governo Sindaco Pompilio

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

PROGRAMMA DI GOVERNO

"Progetto per la città"

del Sindaco Luigi POMPILIO

Le liste:

1. Agire Insieme - Uniti per San Giovanni

2. Il Popolo della Libertà

3. Movimento Federalista per S. G. Rotondo

4. Unione di Capitanata

5. Futuro e Libertà

6. La Puglia Prima di Tutto

n. 13 - Partito Socialista Italiano (Lista collegatasi al candidato Sindaco Luigi Pompilio in sede di ballottaggio)

espongono il proprio programma per il quinquennio di carica degli organi del Comune di San Giovanni Rotondo

 

 

 

PREMESSA

Alcune brevi considerazioni sull’attuale realtà politico-economica del nostro Comune sono necessarie nel presentare il programma elettorale, della nostra Coalizione denominata “Progetto per la Città”.

Le amministrazioni politiche cittadine degli ultimi anni, con un eccessivo individualismo e l’uso di politiche di piccolo cabotaggio, hanno determinato una incapacità totale dell’amministrazione pubblica nel rispondere alle reali esigenze della comunità, con conseguente profonda frattura nel rapporto di fiducia tra istituzioni e cittadini. Per questo riteniamo irrinunciabile sottolineare che la strada di una futura efficace azione amministrativa, debba passare attraverso una rinnovata cultura civica, fondata sulla condivisione dei valori e sulla coesione dei membri della comunità.

Sul solco della migliore tradizione cristiana, la nostra Coalizione ripone “nell’Uomo” e nella Famiglia la centralità del suo progetto politico e propone ai cittadini un forte cambiamento nello stile di far politica, superando anche le logore e strumentali contrapposizioni tra le forze politiche spesso utilizzate non per bene amministrare ma ritagliarsi rendite di potere personale.

La pesante realtà economica e sociale ereditata dell’amministrazione uscente, il perdurare della crisi, il non chiaro Federalismo comunale e la conseguente continua diminuzione delle risorse finanziarie drenate dal governo centrale, fa sì che debbono essere reinventate le dinamiche di approvvigionamento dei fondi necessari per soddisfare le esigenze della comunità cittadina, per evitare l’aumento dell’imposizione fiscale o il temuto taglio ai servizi pubblici essenziali.

Deve essere cura del nuovo governo cittadino dare al nostro paese un’amministrazione aperta ai contributi delle categorie produttive, delle Associazioni religiose, culturali ed ambientaliste per la realizzazione di un programma fortemente partecipato che veda coinvolti i due più importanti enti del nostro territorio,e stabilire quindi rapporti di proficui collaborazioni con la Casa Sollievo della Sofferenza e il Convento dei Cappuccini.

Un programma per la Città che getterà solide basi per:

* gestire le innovazioni importanti per il suo futuro;

* inventarsi un diverso modo di intendere l’offerta turistica;

* pensare seriamente a riqualificare gli operatori turistici e a creare un’atmosfera che aiuti il pellegrino alla riflessione e alla meditazione;

* affrontare le nuove sfide legate alla normalizzazione e valorizzazione del suo territorio;

* dotarsi delle nuove tecnologie d’avanguardia (informatica, telematica, reti Wi-Fi, cablaggio in fibre ottiche, ecc.) per ammodernare l’intera città partendo dalla macchina comunale

* ristrutturare l’habitat

* regolamentare la politica stradale

* “inventare” posti di lavoro.

I PUNTI SALIENTI DEL PROGRAMMA

Decoro e vivibilità

Le nostre considerazioni partono da semplici constatazioni di vita quotidiana. San Giovanni Rotondo vive di turismo e quindi di ospitalità. Al di là quindi delle grandi opere, riteniamo che la massima attenzione deve essere posta sulla vita quotidiana dei cittadini, cioè di quello che cittadini vivono giorno per giorno.

Il primo intervento pubblico sarà riportare pulizia e decoro nella Città. Inoltre, avvieremo una serie di interventi per riqualificare ed abbellire gli ingressi cittadini ed i percorsi urbani, partendo da quelli principali perché utilizzati dai turisti.

IL SOCIALE

La cellula di base: la persona.

La persona è bambino, è giovane, è adulto, è pensionato ed è anziano. Un percorso di vita che

corre sullo stesso binario, ma con bisogni, ruoli e potenzialità fortemente differenziati.

* Il bambino

Per dare aiuto e sostegno ai genitori, si implementerà un contesto socio-ambientale favorevole a migliori qualità di vita per il bambino, attraverso: asili nido, scuole materne, parchi giochi, spazi verdi, asili nido interni alle grandi realtà economiche che operano sul territorio.

* Il giovane

Il territorio e la comunità, ad eccezione delle parrocchie, non offrono molte opportunità di aggregazione e di associazionismo. Vanno sostenute tutte quelle associazioni, movimenti, club sportivi ecc. che preservano nel loro programma la dignità dell’uomo.

Occorre costruire nuove opportunità e spazi d’integrazione e di eventuale recupero all’interno della comunità di tutti gli adolescenti non attivamente impegnati.

Fondamentale è la necessità di intensificare le iniziative di formazione e informazione giovanile, creando occasioni e luoghi per più elevati livelli di cultura, di istruzione, di apertura ai cambiamenti e di orientamento al lavoro.

* L’adulto

La maturità e l’assunzione di responsabilità porta l’adulto a diventare un tassello

fondamentale del tessuto sociale di una comunità, pur in un contesto di oggettive difficoltà

derivanti dalle dinamiche socio-economiche: la creazione di una famiglia, il mercato del

lavoro, la necessità di una formazione culturale e sociale permanente, lo sviluppo e

l’alimentazione del senso di appartenenza alla comunità cittadina.

* Il pensionato

Il pensionato oggi costituisce una nuova e importante risorsa per la comunità. E’ una

persona attiva, dispone di molto tempo libero, e si presta a ruoli sempre più consolidati: il

nonno baby-sitter, il nonno-vigile (da ripristinare immediatamente come servizio), il volontario nel mondo del sociale. A queste persone

vanno riconosciuti momenti di formazione ed educazione permanente, di valorizzazione

delle proprie capacità, di qualità della propria vita.

* L’anziano

La preservazione della dignità dell’anziano e la valorizzazione della sua esperienza devono

condurre la qualità della vita di una comunità. Vanno stimolati momenti di aggregazione

sociale, vanno alimentati i servizi di supporto alla persona, ma anche incoraggiate le

famiglie a far rimanere l’anziano parte integrante di esse.

Fovoriremo iniziative per:

* Aiutare gli anziani non autosufficienti residenti al loro domicilio attraverso l’opera d’informazione e consiglio di una equipe di volontari, preferibilmente pensionati e/o anziani stessi con il supporto di giovani, disponibili telefonicamente e a domicilio.

* I’istituzione del telesoccorso.

* Sconfiggere l’isolamento incoraggiandoli a diventare membri attivi e impegnati nella comunità, anche attraverso aiuti finanziari, se il bilancio lo permetterà, per organizzare e amministrare progetti finalizzati ai loro interessi e bisogni.

* Favorire la realizzazione di un centro di incontro, da denominare “l’Oasi della vita”, dove vecchi artigiani insegnano il mestiere a giovani handicappati.

La famiglia – il nucleo primario di aggregazione

La famiglia rappresenta il nucleo primario ed imprescindibile di aggregazione che ha bisogno di supporti per svolgere il suo compito a favore dei figli e delle persone disabili o anziane per cui riteniamo di proporre servizi a supporto della cura familiare per la permanenza di soggetti deboli nella famiglia con una serie di aiuti socio economico a favore delle famiglie che si prendono cura dei membri socialmente più deboli.

In particolare:

* attiveremo interventi a sostegno alle famiglie che assumono compiti di cura di disabili fisici, psichici e sensoriali e di altre persone in difficoltà;

* provvederemo affinchè le scelte per il miglioramento delle strutture e della organizzazione dei servizi siano improntate non solo su criteri di efficienza, ma anche sulla ricerca di maggiore umanizzazione dell’assistenza;

* creeremo tariffe ad hoc per le famiglie per il pagamento delle tasse dei rifiuti, compatibilmente con le risorse di bilancio;

Lavoro - Imprese

L’impresa è uno dei punti cardine del nostro programma elettorale.

Occorrerà studiare e porre in atto tutte le misure possibili per favorire la nascita di nuove imprese non trascurando le imprese già presenti sul territorio e che sono fonti di occupazione e ricchezza per la nostra collettività.

Si provvederà inoltre ad:

* attuare il piano PIP ;

* attivare lo sportello Impresa.

Handicap ed occasioni di sviluppo

Immediatamente Il nostro impegno sarà quello di abbattere le barriere architettoniche esistenti, liberare i marciapiedi da ingombri ed occupazioni abusive di varia natura e ripristinare la percorribilità delle strade rifacendo un dignitoso manto stradale.

A medio termine favorire la creazione di strutture di eccellenza nel settore della riabilitazione (centri riabilitativi con piscina, palestre ecc.).

A lungo termine in collaborazione con L’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” e con altri centri universitari, intercettando fondi privati e fondi pubblici europei e nazionali,si potrebbe pensare di realizzare un polo tecnologico che possa diventare con il tempo riferimento nazionale per ricerca protesica, dove oltre alle biotecnologie sarà la robotica al servizio delle disabilità il vero motore della ricerca.

Pari Opportunità

Al fine di valorizzare il ruolo e l’importanza della donna ci proponiamo di creare uno sportello che:

* informi sulle opportunità di imprenditoria femminile (consulenza per l’accesso ai bandi di finanziamento);

* promuova la creazione di strutture di servizio all’infanzia in modo da facilitare la conciliazione della vita familiare e migliorare la qualità della vita ;

* aiuti il reinserimento (dopo un’assenza da maternità o altro) delle donne nel mondo del lavoro fornendo supporto per la stesura del curriculum, orientamento, ricerca concorsi e consulenza sulle tipologie contrattuali.

Politiche Ambientali

Nello specifico si ritiene opportuno ed importante affrontare i seguenti temi e proposte:

* Educazione ambientale: rivolta alle scuole di ogni ordine e grado con programmi realizzati in collaborazione con le associazioni locali. Conferenze informative, manifestazione coinvolgeranno invece gli adulti e le famiglie con l’obiettivo di far crescere il senso civico; di strategica importanza sarà l’istituzione di un numero verde di teleascolto ambientale, uno strumento significativo messo in campo al fine di prevenzione di reati ambientali.

* Inquinamento elettromagnetico: a tutela della salute dei cittadini, in collaborazione con altri Enti, in particolare l’ARPA Puglia, avviare una serie di controlli sul nostro territorio con campagne di monitoraggio per la verifica dell’emissioni elettromagnetiche delle antenne presenti sul nostro territorio.

* Risparmio energetico e fonti rinnovabili: la nostra città, a nostro avviso, dovrà intraprendere un processo di promozione nell’uso delle risorse naturali. Nel senso che dovrà intraprendere un processo graduale con un drastico abbattimento dei consumi energetici per perseguire con ogni mezzo politiche di risparmio energetico adeguando ove occorra il patrimonio edilizio municipale. Le proposte non mancano: dall’eolico, ai pannelli solari ecc..

* Raccolta differenziata: Oggi diventa indispensabile per i comuni l’attuazione di politiche che prevedano la riduzione dei rifiuti ed il loro recupero e smaltimento attraverso un ciclo integrato applicato ad Ambiti Territoriali Ottimali come previsto dalle normative europee e recepite dal cosiddetto Decreto Ronchi.

L’obiettivo irrinunciabile su questa materia per i prossimi anni dovrà essere quello di portare la

raccolta differenziata almeno al 30 per cento. Quindi si propone per perseguire tale obiettivo:

* una campagna di informazione riguardante i servizi di raccolta differenziata.

* Il passaggio dalla tassa sulla raccolta rifiuti alla tariffa che consente all’utente di pagare l’effettivo servizio e premiare i comportamenti virtuosi dei cittadini che privilegiano la riduzione del rifiuto e la raccolta differenziata.

* la definizione di un nuovo regolamento sull’ammissibilità ai rifiuti solidi urbani dei rifiuti derivati da attività produttive, affinché questi ultimi non rientrino nei canali del servizio pubblico ma vengano dirottati nei canali degli imballaggi e degli scarti di lavorazione.

* Infine risulta utile promuovere campagne di informazione alla popolazione contro l’abbandono dei rifiuti e di educazione ai comportamenti civili, promuovendo anche la repressione degli abusi attraverso il suddetto numero verde di teleascolto ambientale.

Sicurezza Urbana

L’argomento sicurezza è un problema sentito dalla cittadinanza, tanto che si parla, ormai, di sicurezza

urbana come valore diverso dalla sicurezza pubblica inteso in senso classico. Con il termine sicurezza

urbana, si intende individuare il livello di qualità e di vivibilità della città che consente a tutti di godere di

una qualità di vita dignitosa, libera da pericoli, in assenza da fenomeni criminosi.

Oggi, naturalmente con l’estensione topografica della città e con l’aumento demografico della popolazione sia residente che non residente, è possibile garantire il controllo e la sicurezza sociale mediante postazioni decentrate e sofisticati sistemi di controllo. D’altra parte la nostra città ha solo 3 punti di accesso e qualche altra strada minore, con un sistema di telecamere si può controllare l’afflusso veicolare in entrata ed in uscita dalla città, controllare l’area del piazzale del Santuario di S.Maria delle Grazie e altre zone eventualmente da monitorare.

Pertanto per una città sicura occorrerà:

* completare il sistema di video sorveglianza agli ingressi principali della città e zone con massimo afflusso turistico;

* l’organizzazione degli uffici in rete ( Polizia Municipale e Carabinieri);

* favorire attività di educazione alla legalità ed alla sicurezza da espletarsi organicamente negli Istituti

scolastici, mediante un protocollo d’intesa con il Provveditorato agli Studi, Arma dei Carabinieri e

Ministero dell’Interno .

Sport e Tempo Libero

* Riqualificare gli impianti sportivi pubblici già attivi sul territorio

* Regolamentare le concessioni delle palestre scolastiche in orario extrascolastico

* Realizzazione di un centro sportivo polifunzionale comprensivo di piscina

con possibilità di ampio e diversificato utilizzo per lo svolgimento di eventi e manifestazioni varie (sportive, fiere, esposizioni, concerti, rappresentazioni teatrali e cinematografiche, pratiche mediche per la fisioterapia, corsi per l’avviamento alla pratica sportiva per: giovani, disabili, anziani, ecc.) in linea con il principio di rendere la struttura luogo di aggregazione e non di sola pratica sportiva.

* Dare maggiore attenzione, in termini di investimenti al Parco del Papa, unica oasi protetta inserita nella città per lo sport ed tempo libero

* Completare il parco a ridosso della 167, solo iniziato e già in stato di totale degrado ed abbandono.

Strutture scolastiche

Per le strutture esistenti:

* Riqualificazione e completamento della messa in sicurezza;

* Manutenzione straordinaria per ridare il necessario decoro e dignità ai luoghi di formazione dei nostri figli;

* Riordino delle scuole per maggiore efficienza delle risorse umane a disposizione;

* Attivazione del tempo pieno per le scuole primarie compatibilmente con le possibilità economiche a disposizione del bilancio comunale

POLITICHE PER IL TURISMO

E’ noto che la maggiore destinazione in Italia è Roma seguita da San Giovanni Rotondo, Assisi,

Loreto e Pompei.

Fatta questa premessa per una città come San Giovanni Rotondo l’argomento “ Turismo “ diventa

prioritario per l’economia, l’occupazione e per l’importanza che riveste nel Gargano, nella

Provincia di Foggia e per l’intera Puglia.

In questi ultimi anni, è inutile nasconderlo o sottovalutare il fenomeno, il nostro settore ha avuto un

calo, con conseguenze economiche sensibili per gli operatori turistici che operano nel settore, difatti la durata del soggiorno, mostra una tendenza progressiva alla riduzione, con conseguente aggravio di spese di gestione non sopportabili nel settore. Le cause potrebbero essere molteplici: errate previsioni di afflusso di pellegrini, di conseguenza posti letti in esubero rispetto alla richiesta, aumento del costo della vita, mancanza di programmazione, mancanza di iniziative e non ultimo le continue crisi politiche che hanno interessato la nostra città.

Di fronte a questo scenario si deve prendere atto che nella nostra città, un orientamento fatto di

improvvisazioni e spontaneismo nel potenziamento delle politiche sul turismo a San Giovanni

Rotondo non è più comprensibile, né giustificabile, soprattutto se si tengono nella dovuta

considerazione le problematiche del nostro territorio che impediscono un pieno sviluppo del settore

e il decollo economico dell’intero territorio.

L’obiettivo, dunque, è aumentare la competitività del settore ed espandere l’accesso all’offerta

turistica a sempre più estese categorie di utenti. E’ chiaro e necessario che si chieda un maggiore

coinvolgimento e collaborazione dei massimi Enti istituzionali presenti sul territorio: Governo

Regionale, Amministrazione Provinciale, Ente Parco, Camera di Commercio,

Università di Foggia, Casa Sollievo della Sofferenza, Ordine dei Frati Minori Cappuccini, perché

riteniamo che senza dialogo con questi soggetti non si potrà fare nessun discorso strategico, di

programmazione del territorio e di risoluzione dei problemi della nostra città e di questo settore.

Pertanto si propone:

* La creazione di un calendario locale dei principali eventi turistico-religiosi-culturali, favorendo un’attività di programmazione e di promozione ( patrocinio e sponsorizzazione di eventi,manifestazioni e spettacolo);

* La creazione di uno sportello informativo sul territorio in rete.

* La rivitalizzazione del centro storico attraverso il “percorso delle sette chiese”

* Il collegamento con altre aree di carattere religiose (Monte S’Angelo, Pulsano, Stignano, San Matteo e Incoronate)

* I percorso enogastronomici

* I percorsi naturali nel Parco del Gargano

In questo modo i turisti che visitano i luoghi di San Pio hanno un’offerta più completa e

diversificata.

Destagionalizzazione turistica:

* creazione di opportunità turistiche alternative, in special modo nei periodi di bassa stagione con raduni, mostre eventi di grandi richiamo

* stagione teatrale e musicale.

Tali progetti nascono dalla necessità di creare nuove opportunità di lavoro nei periodi di scarsa affluenza turistica.

In collaborazioni con le associazioni e gli albergatori si possono stimolare l’offerta di pacchetti turistici a prezzi ridotti per i partecipanti alle manifestazioni.

Politiche per l'agricoltura

La nostra coalizione è convinta che nel mondo rurale ci sia una forte presenza di quei valori di radicamento comunitario, di rispetto delle tradizioni, di attaccamento alla terra che sono essenziali per definire l'identità nazionale di un popolo. Crediamo che non debbano riproporsi i logori schemi assistenzialismi del passato, ma va lanciata la sfida per la modernizzazione del settore agricolo, in particolare l’olivicolo, che oggi rappresenta circa il 20 % del pil della nostra provincia. Il nostro obiettivo è quello di garantire la pubblicità verso la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti, a salvaguardia dell'economia dei nostri produttori locali di olio d'oliva. Non solo, ma la nostra coalizione è convinta che per poter rilanciare il settore olivicolo, occorre proporre una mostra mercato settoriale specifica per questo settore e per i suoi derivati, al fine di valorizzare il nostro prodotto dal punto di vista economico e della sua qualità a vantaggio quindi dei consumatori e degli imprenditori agricoli. Un altro importante settore dove l'amministrazione comunale dovrà porre la sua attenzione è l'agriturismo. Difatti le ultime indagini di mercato condotte da società come " anagritur o agriturist" hanno evidenziato le seguenti motivazioni espresse dai consumatori nella scelta dei servizi: la natura, il paesaggio, la tranquillità, il ritorno alle tradizioni, sono motivazioni, oltre al minor costo, in cui i soggetti che scelgono questo tipo di vacanza, possono apportare altro beneficio economico ed occupazionale alla nostra città. Secondo dati statistici c'è una generale tendenza di effettuare le vacanze e l'uso del tempo libero con l'ispirazione sempre più ad interessi ricreativi che consentono un rapporto diretto con l'ambiente portando come conseguenza immediata la valorizzazione delle risorse naturali e l'incremento dei prodotti biologici. E' chiaro che la nuova prospettiva in cui la nostra coalizione mira è quella indirizzata non solo alla conservazione e tutela dell'ambiente, non solo al recupero del patrimonio rurale naturale, edilizio e culturale, ma anche a quello di riconvertire le aziende agricole in aziende agrituristiche, quindi una nuova figura di imprenditore agricolo che sappia valorizzare e commercializzare i nostri prodotti, ovvero si tratta, con la nuova normativa che la Regione Puglia ha approvato, di orientare le aziende agricole ad un nuovo e diffuso settore dedito all'ospitalità rurale.

Politiche per una efficiente azione amministrativa

Le responsabilità per i risultati che ottiene un’amministrazione è in sintesi un percorso di revisione e innovazione legislativa applicando tutte le novità innovative della legge n.142/90 e successive modifiche al fine del conseguimento del risultato della funzione politica-amministrativa di chi ha governato.

Una prima proposta è quella di riorganizzare gli uffici comunali, renderli efficienti e funzionali per dare alla collettività servizi veloci.

L’informatica, concorre in modo rilevante nel progetto di efficienza amministrativa.

Apriremo lo sportello unico per l’edilizia. Si tratta di uno sportello (virtuale) presso l’ufficio tecnico a cui va consegnata la pratica edilizia completa di tutta la documentazione necessaria per ottenere l’autorizzazione/concessione richiesta.

Sarà lo sportello unico a smistare i singoli fascicoli agli enti competenti ed ottenere i rispettivi pareri e nulla osta, dispensando il tecnico da questi passaggi. Ogni pratica avrà un responsabile del procedimento a cui

far riferimento per ottenere tutte le informazioni in tempo reale sullo stato dello stesso, iter che potrebbe essere seguito telematicamente con una password riservata. Con una sola persona di riferimento e un solo punto operativo per tutto il procedimento si otterrà un notevole risparmio di tempo dando efficienza e trasparenza all’intero ciclo della pratica.

Attivazione dei processi informatici che riteniamo vadano potenziati per permettere ai cittadini di poter accedere ai certificati per via telematica.

Sul piano politico-amministrativo la novità sarà rappresentata da un’assessore con delega alle politiche comunitarie. Non possiamo più permetterci di perdere altri fondi sia europei che statali, regionali o provinciali.

POLITICHE PER IL TERRITORIO

Settore urbanistica

Una buona politica urbanistica è il segno della positività dell’amministrazione, che dimostra la capacità di conoscere le esigenze e interpretare correttamente i bisogni. La situazione presente va certamente migliorata, essendo in atto l’iter istruttorio e progettuale del nuovo Piano Urbanistico Generale. Le nostre proposte sono quelle di migliorare il PUG che risponda alle esigenze reali dei residenti e dei turisti che ci vengono a visitare. Il nuovo Piano Urbanistico Generale, vogliamo che sia un Piano partecipato, concertato e concordato con l’intera Città. Un Piano che non sia una semplice ricognizione del sistema economico e territoriale della nostra città, ma che sia un vero Piano di pianificazione e riqualificazione del nostro territorio che va dall'ambiente, al piano di mobilità e trasporti, dal verde pubblico e privato alle zone agricole.

Le nostre proposte sono:

a) ridurre l'abusivismo selvaggio;

b) creare zone ordinate dal punto di vista urbanistico e di estetica del paesaggio;

Piano di mobilità:

nella nostra città l'accessibilità, per noi che viviamo e per chi viene da fuori, sta diventando un vero problema primario da risolvere, ci vuole un progetto integrale sul sistema della mobilità urbana ed extraurbana.

Le nostre proposte nel sistema della mobilità urbana sono:

* la rivisitazione della viabilità esistente;

* la creazione di nuove zone a traffico limitato;

* La realizzazione di sistemi d'informazione all'utenza, di sistemi moderni di controllo e di regolamentazione del traffico.

Inoltre, occorrerà pensare alla necessità di realizzare un'asse di collegamento tra la strada proveniente da Monte S.Angelo per ricollegarla alla strada per S. Marco in Lamis. Tale progetto inserito nel Piano della Mobilità può essere un'alternativa di smistamento del traffico urbano ed extraurbano.

Piano parcheggi

La questione dei parcheggi è una problematica che deve essere vista, studiata e programmata con il piano della mobilità. E' chiaro ed importante che il piano della mobilità urbana si dovrà raccordare, da cui non si può prescindere dalle decisioni prese e approvate dal P.T.C.P. della Provincia di Foggia. In tal caso il prossimo Governo

cittadino dovrà prendere accordi con la stessa Provincia e con l'Anas a riguardo della mobilità urbana ed extraurbana per meglio organizzare e facilitare gli ingressi e la circolazione del traffico cittadino. In relazione di ciò si potrà strutturare un buon piano parcheggi.

Obiettivi strategici:

* orientare la gestione della sosta ai criteri di efficienza, efficacia ed economicità

* migliorare le condizioni di sosta per i residenti (soprattutto delle aree centrali);

* migliorare le opportunità di sosta per gli operatori, i lavoratori, i clienti delle attività commerciali;

* informare i clienti circa la disponibilità delle aree di parcheggio allo scopo di renderne più

efficiente la ricerca e l'utilizzo, riducendo il tempo di ricerca;

* instradare il traffico verso le aree di sosta ubicate nelle zone a minor pressione veicolare;

* Ridurre il numero dei veicoli in sosta sulle strade;

* diminuire la pressione di sosta di lunga durata nelle aree centrali attraverso l'aumento di capacità

dei parcheggi posti in prossimità del centro.

Settore lavori pubblici

Il nostro progetto intende rendere efficiente e sistemare l'intero territorio di S.G.R. come di seguito descritto:

* rifacimento del manto stradale delle strade urbane;

* completamento dell'illuminazione cittadina; (vi sono alcune zone ancora senza illuminazione pubblica)

realizzazione dell'illuminazione delle contrade rurali; (matine e costarelle località ad alto rischio di incidenti )

* realizzazione di aree verdi;

* dotarsi di:

o un teatro;

o un museo d’arte

* individuazione di aree per realizzare strutture da destinare a mercati giornalieri;

* interventi che prevedano la riqualificazione urbanistica ed edilizia del centro storico, con lo scopo di rivitalizzare l'area anche sotto il profilo commerciale.

E' chiaro che oltre a queste piccoli progetti è assolutamente necessario portare a conclusione i progetti in corso come:

* trasferimento del depuratore

* inizio dei lavori dell’Istituto del Polivalente

* apertura di Servizi igienici pubblici decente e sicuri per rispondere a quanti ne hanno necessità per motivi di età, di salute e per i turisti che visitano il nostro paese.

Il Sindaco

Luigi Pompilio

 

Letto 8326 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Dicembre 2011 01:23

Video